Ringraziamenti per donazione Nextsense

Da parte di tutte le volontarie e volontari dell’associazione “A Roma,
Insieme – Leda Colombini”, delle madri e dei loro bimbi presenti nella
Sezione Nido della Casa Circondariale di Rebibbia Femminile, delle
donne in quel carcere detenute e che, in occasione dei colloqui “aree verdi”, incontrano i loro figli minori, desideriamo ringraziare
Nextsense per la generosa donazione.
Ogni piccolo o grande gesto contribuisce ad alleviare la condizione in
cui quei bimbi e quelle bimbe versano, oggi resa ancor più grave a
causa dell’emergenza sanitaria in corso.
Ancora un sentito grazie.

La Presidente

Giovanna Longo

#linfanzianonsiincarcera!

Con l’approvazione del nostro emendamento alla legge di bilancio, promosso con A Roma,
Insieme-Leda Colombini, abbiamo finalmente posto le basi per garantire l’accoglienza di
detenute madri con i loro bambini al di fuori delle carceri. Se ne parlava da anni, oggi
abbiamo ottenuto questo primo risultato.
Adesso occorre che le risorse destinate con la legge di bilancio vengano investite
correttamente, con l’approvazione del relativo Decreto da parte del Ministero della
Giustizia.
Il percorso che abbiamo aperto richiede ulteriori misure di sistema, fondamentali per
garantire che i piccoli non varchino più le soglie di un carcere. Questo obiettivo nel 2021
deve rappresentare una delle priorità di Governo e Parlamento.
Per questo ci rivolgiamo al Presidente e ai capigruppo in Commissione Giustizia della
Camera, perché venga avviato prima possibile l’iter parlamentare sulla proposta di Legge
2298, depositata dall’ on.le Siani, in materia di tutela del rapporto tra detenute madri e figli
minori.
A questo punto non ci sono più scuse per non calendarizzare una proposta di legge che
giace in Parlamento da più di un anno!
Cittadinanzattiva

Consegna dei pacchi alimentari

L’Associazione A Roma Insieme, grazie al vostro contributo, è riuscita anche questo Natale a consegnare i pacchi alimentari per le famiglie delle detenute madri di Rebibbia. Con la speranza che nel 2021 nessun bambino varchi più  la soglia di un carcere, vi auguriamo buone feste.

BASTA BAMBINI IN CARCERE! SUBITO UN FONDO PER INIZIARE A FARLI USCIRE

COMUNICATO STAMPA 

Ancora troppi bambini varcano la soglia delle carceri italiane. 

Sono 33 i bambini presenti nelle carceri italiane al 30 ottobre 2020, costretti a vivere e crescere in una  condizione assolutamente inadeguata e rischiosa, che ne mina il benessere psicologico emotivo e fisico. 

Per loro chiediamo che si inizi a costruire un futuro diverso. Da oggi. 

Le nostre organizzazioni, consapevoli dell’urgente necessità di rendere applicabile la legge 62/11, che  disciplina la condizione delle madri detenute con al seguito i propri bambini, hanno visto nella Legge di  Bilancio un’opportunità per iniziare a costruire un futuro diverso per loro. 

Aromainsieme, Cittadinanzattiva, Gabbianella, Terre des Hommes e ACAT chiedono che sia approvato  dalla Commissione Bilancio della Camera l’emendamento alla Legge di Bilancio, a prima firma Siani e  sostenuto tutti i gruppi di maggioranza, per la creazione di un Fondo per l’accoglienza delle madri detenute  con i propri figli, al di fuori delle strutture carcerarie. 

L’emendamento prevede che siano destinati a tale Fondo 1.500.000 di euro all’anno per tre anni a partire dal  2021.Queste risorse serviranno per coprire le spese di accoglienza delle donne e dei loro bambini, fuori dal  carcere, così che possano essere trasferite sia in Case Famiglia Protette sia in Comunità alloggio mamma /  bambino già presenti su tutto il territorio nazionale. 

Il Fondo rappresenta un importante punto di partenza per garantire ai bambini una vita fuori dal carcere  assieme alle loro mamme. 

L’approvazione di questo emendamento porrà le basi concrete per iniziare a cambiare le condizioni di vita  di molti bambini che oggi stanno pagando il prezzo di un sacrificio inaccettabile e permetterà di avviare un  percorso di definitiva soluzione del problema” afferma Laura Liberto, coordinatrice nazionale della rete  Giustizia per i Diritti di Cittadinanzattiva. 

Avere un Fondo dedicato per permettere percorsi di accoglienza di bambini con le mamme fuori dal  carcere è un traguardo importante anche se molto resta ancora da fare. Sono diverse e complesse, infatti le 

cause per le quali tanti bambini sono costretti a vivere la privazione della propria libertà. Per questo  l’impegno di Terre des Hommes proseguirà anche nel futuro per cercare di fare sì che tutte le misure utili  ad evitare questa penosa soluzione siano messe in campo”. Afferma Federica Giannotta, Responsabile  Advocacy e Programmi Italia di Terre des Hommes. 

Aprire le porte delle Case Famiglia, ancora poco utilizzate, nonostante la L.62/11 lo preveda, è un passo  avanti importante. Il potere pubblico oggi non può dimostrarsi assente o disattento sul tema attualissimo  della umanizzazione della pena, in presenza di madri e bambini.” Dichiara Giovanna Longo, presidente di A  Roma, Insieme. 

I figli delle detenute sono bambini fragili, per cui frequentare precocemente la scuola dell’infanzia è vitale e le detenute madri sono donne che hanno anch’esse bisogno di ricevere educazione e formazione per  diventare libere ed autonome. Si ritiene che questa formazione sia maggiormente favorita in casa-famiglia  piuttosto che in carcere o in Icam. Chi alle case famiglia non potrà accedere, per il divieto del giudice, ha  comunque diritto alla frequenza della scuola dell’infanzia per i propri figli e ad una formazione per sé“.  Ricorda Carla Forcolin, presidente de La Gabbianella. 

“La crescita e lo sviluppo dei bambini dipendono da tantissimi fattori, ma tra i più importanti vi è  sicuramente la libertà. Solo la libertà insegna ai bambini ad effettuare scelte e ad essere responsabili. Una  educazione completa e libera è sicuramente la base per avere cittadini migliori domani che saranno  realmente padroni della propria vita.Sostiene Massimo Corti, Presidente ACAT. 

Associazione A Roma, Insieme 

Giovanna Longo 

Presidente 

aromansieme@gmail.com 

Fondazione Terre des Hommes Italia onlus – Ufficio stampa 

Rossella Panuzzo 

r.panuzzo@tdhitaly.org 

Cittadinanzattiva APS – Ufficio stampa 

Alessandro Cossu: 3483347608 

Aurora Avenoso: 3483347603 

stampa@cittadinanzattiva.it 

www.cittadinanzattiva.it 

La Gabbianella e altri Animali 

Carla Forcolin 

Presidente 

info@lagabbianella.org 

ACAT – Ufficio Stampa 

Azione dei Cristiani per l’’Abolizione della Tortura  

e-mail ufficiostampa@acatitalia.it

#linfanzianonsiincarcera!  Approvato l’emendamento alla Legge di Bilancio, promosso da Cittadinanzattiva e A Roma Insieme-Leda Colombini

Comunicato stampa                                                                   Roma, 21 dicembre 2020

 

#linfanzianonsiincarcera!  Approvato l’emendamento alla Legge di Bilancio, promosso da Cittadinanzattiva e A Roma Insieme-Leda Colombini, per garantire l’accoglienza di mamme detenute con bambini al seguito al di fuori degli istituti penitenziari.

 

“Siamo davvero soddisfatti per l’approvazione del nostro emendamento, un risultato che fornisce una prima risposta concreta al superamento definitivo di un paradosso gravissimo e trascurato, probabilmente perché riguarda piccoli numeri e perché ha a che vedere con madri e bambini di solito provenienti da condizioni di marginalità”. Queste le dichiarazioni di Laura Liberto, coordinatrice nazionale rete Giustizia per i diritti di Cittadinanzattiva. 

“Da lungo tempo Cittadinanzattiva è impegnata nella costruzione di soluzioni definitive al problema della presenza di bambini piccoli, ristretti negli istituti penitenziari assieme alle madri detenute. Ci siamo battuti per l’adozione di misure di sistema che non fossero soltanto legate all’emergenza sanitaria che ha investito pesantemente le carceri italiane, ma volte a creare le condizioni perché nessun bambino debba più provare l’esperienza della detenzione. Per questo, in collaborazione con l’Associazione A Roma Insieme Leda Colombini, abbiamo formulato una proposta di emendamento alla Legge di Bilancio che, con l’istituzione di un fondo dedicato, garantisse le risorse necessarie ad assicurare a tutti i nuclei mamme-bambini l’inserimento  in case famiglia protette ed in case  alloggio già operative sul territorio, quindi al di fuori di ogni contesto detentivo, che sia la sezione nido di un carcere oppure un istituto a custodia attenuata per detenute madri”.

“La sinergia sperimentata in questa occasione tra due soggetti del volontariato, A Roma Insieme e Cittadinanzattiva, è la prova che la società civile organizzata può stimolare positivamente le istituzioni per un quadro di regole più umane e rispettose della dignità dei minori e dei cittadini sinergia. Questo è un risultato importante che si iscrive lungo un percorso ancora non breve, per rendere l’ordinamento penale italiano pienamente rispondente ai livelli di civiltà” così dichiara Gustavo Imbellone di A Roma Insieme- Leda colombini. 

“Oggi abbiamo conseguito una piccola grande vittoria, e ringraziamo l’Onorevole Paolo Siani, primo firmatario dell’emendamento ed i Deputati di tutti i partiti della maggioranza che hanno voluto sottoscriverlo”, dichiarano le due organizzazioni. “Proseguiremo questo percorso con la stessa determinazione perché la misura venga attuata efficacemente e perché davvero i più piccoli non facciano mai più ingresso in carcere”.