Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Ultimi Articoli

Opera Nazionale Montessori è tra i nostri sostenitori

Siamo molto lieti di comunicare che Opera Nazionale Montessori è tra i nostri sostenitori.

In questo momento di grandi difficoltà per tutti coloro che lavorano nel sociale e per la difesa dei soggetti più deboli, è con profonda gratitudine che abbiamo accolto un generoso contributo dell’Opera Nazionale Montessori che storicamente si impegna per difendere la dignità del bambino.

Da sempre l’Opera Nazionale Montessori ha rappresentato un esempio di attenzione allo sviluppo della personalità dei bambini e di cura dell’infanzia.

Ci accumuna il fine di mettere al centro del nostro lavoro i bambini, in particolare nella nostra attività bambini che trascorrono in carcere i primi tre anni di vita, anni determinanti per la loro crescita trascorsi in un ambiente che li priva di una normale e serena relazione con il mondo esterno.

Grazie di cuore all’Opera Nazionale Montessori per averci sostenuto ed essere al nostro fianco in questa importante battaglia di civiltà.

“Così aiutiamo i bimbi in carcere”

Schermata 2017-04-04 alle 16.16.05

 

 

 

 

 

 

L’Associazione “A Roma, Insieme – Leda Colombini” da oltre 20 anni è impegnata nel carcere di Rebibbia femminile. I volontari dell’associazione svolgono diverse attività – laboratori di arte e musicoterapia – coinvolgendo mamme e figli: al momento i piccoli sono 17, ma negli anni ne sono passati centinaia

VAI ALLA PAGINA

 

“Il nostro 8 marzo, con Giovanna Longo, Stefania Iannilli, Marica Fantauzzi e le donne del nido di Rebibbia”

8-marzo-rebibbia

 

L’8 marzo le donne del mondo hanno scioperato. C’era chi lo ha fatto per strada, chi sul luogo di lavoro, chi con in braccio un figlio, e chi da dentro un carcere.

“ Fuori da qui le donne di tutto il mondo si sono organizzate per scioperare affinché i propri diritti siano rispettati. Voi per quali diritti vorreste scioperare?”

Le donne, madri e detenute insieme ai loro figli nel carcere di Rebibbia, si guardano tra loro. Alcune ridono, altre fanno finta di ascoltare, altre vorrebbero ascoltare ma devono controllare il bimbo pronto a fiondarsi sotto qualche tavolino. Una di loro, 24 anni come me, urla: “Affetto”. Un’altra: “ Fiducia”. Un’altra ancora: Rispetto”. A quel punto ripenso alle prime pagine del mio vecchio libro di diritto pubblico, quelle in cui si parlava del diritto come una risposta ai bisogni dell’uomo. Tutte loro stavano urlando un proprio bisogno, ma non credevano minimamente di avere un diritto. Questo fino a che una ragazza non ha alzato la mano e, quasi solennemente, ha detto chiaramente che il diritto che le spetta è quello di non andare a rubare:

-“ Perché dobbiamo andarci noi, ci andassero gli uomini. Noi vogliamo trovarci un lavoro”.

Le altre sorridono, forse pensano ci sia del vero in quel che dice la loro compagna, ma non so quanto ci credano. Mentre le ascolto palleggiarsi la possibilità di dire la loro, la lista dei diritti che prima sembrava appartenere solo alle lotte delle donne al di là del muro, prende forma anche al di qua.

Il diritto a ricominciare, il diritto ad amare chi si vuole amare, il diritto a cambiare sesso, il diritto di difendersi, il diritto alla libertà. Ogni diritto che esce fuori dalla loro bocca è cucito a doppio filo con una violenza che hanno subito da bambine, da donne, da madri.

“ Ero piccola, non avevo neanche nove anni quando mi ha violentata. Io non dissi niente perché minacciò che avrebbe fatto del male alle mie sorelle, alla mia famiglia. Dopo anni lo dissi a mia madre, ma ormai era troppo tardi. Ora il peggio è passato, ma quando sto accanto ad un uomo non provo niente, non so attaccarmi.”

Luna e le altre ci guardano negli occhi mentre ci chiedono di scrivere per loro queste parole. Gli escono di getto, e noi a fatica cerchiamo di trattenerle su un pezzo di carta.

“Al binario 1 di Termini la polizia prese me e altre due mie amiche. Un poliziotto ci conosceva. “Buongiorno puttane”, così ci salutava. Ci ha picchiate più volte, anche se non avevamo fatto nulla. Ci veniva addosso e bam, uno schiaffo. Lo abbiamo raccontato ad altri poliziotti. Hanno detto che ora non era più un nostro problema, il poliziotto era stato spostato in un altro posto.”

“ I was disappointed by a man. He promised we would be happy. It was not like that, he hurt me. I will not say how, but he hurt me so much I can’t explain it.”

Ora che sfoglio i loro dolori mi chiedo cosa gli sia rimasto di quella giornata. Mi chiedo perché Luna dovrebbe ascoltare me parlare di diritti negati e violenze perpetrate quando lei vive le sue giornate chiusa in una stanza con un figlio di pochi mesi, consapevole che lì dentro ci è finita probabilmente per qualcosa che io chiamo violenza ma lei chiama amore. Mi chiedo se ci sia un limite oltrepassato il quale la violenza non può più esser combattuta, perché per anni non si è conosciuto nient’altro. Mi chiedo se queste donne, le donne del nido di Rebibbia, avranno un giorno la possibilità di avere un’altra possibilità. E mi chiedo se ci sia spazio, nella loro giovane eppure già così tormentata vita, per il riscatto.

“Le donne – diceva Natalia Ginzburg- sono una stirpe disgraziata e infelice con tanti secoli di schiavitù sulle spalle e quello che devono fare è difendersi con le unghie e coi denti dalla loro malsana abitudine di cascare nel pozzo ogni tanto perché un essere libero non casca quasi mai nel pozzo e non pensa così sempre a se stesso ma si occupa di tutte le cose importanti e serie che ci sono al mondo e si occupa di se stesso soltanto per sforzarsi di essere ogni giorno più libero. Così devo imparare a fare anch’io per la prima perché se no certo non potrò combinare niente di serio e il mondo non andrà mai avanti bene finché sarà così popolato d’una schiera di esseri non liberi.”

Perciò sì, negli occhi delle donne di Rebibbia ho visto il pozzo di cui parlava la Ginzburg, quello in cui ogni donna inevitabilmente cade, ma posso giurarvi che ho visto anche tanta preziosa libertà.

Marica Fantauzzi

 

RACCOLTA FONDI

easy-fundraising-ideas

Carissime e carissimi,

vi invitiamo a sottoscrivere la nostra raccolta fondi per consentire fino a giugno il proseguimento del servizio di trasporto dei bambini di Rebibbia ai nidi esterni del Municipio.

Per farlo potete collegarvi direttamente alla pagina di crowdfunding che abbiamo predisposto:

http://www.aromainsieme.it/raccolta-fondi/

altrimenti tramite

· Bonifico alla BANCA Monte dei Paschi di Siena Codice IBAN: IT 34 X 01030 03207 000002318743

Vi invitiamo a coinvolgere più persone possibili per questa importantissima raccolta fondi promossa dalla nostra Associazione.

È essenziale che ci attiviamo tutti perché è inaccettabile che i bambini non possano godere di questo importante diritto e siano privati ulteriormente di un momento di libertà.

Vi ringrazio per tutto quello che potrete fare,

Gioia Cesarini Passarelli
Presidente

INTERRUZIONE SERVIZIO TRASPORTO BIMBI DI REBIBBIA AI NIDI ESTERNI

COMUNICATO STAMPA

Roma 7 febbraio 2017

A fronte dell’interruzione del servizio di trasporto dei bambini della Sezione Nido di Rebibbia, detenuti con le loro madri, ai nidi esterni del Municipio, che dura da due anni, l’Associazione “A Roma, Insieme – Leda Colombini” da oltre 20 anni impegnata con i suoi volontari nel carcere di Rebibbia femminile, lancia una sottoscrizione per la raccolta di fondi destinati alla realizzazione di tale servizio.

È insostenibile che i bambini debbano essere privati di un diritto fondamentale che spetta alla totalità dell’infanzia di ogni paese civile. Tanto più quando ciò esclusivamente dipende da carenze ed omissioni da parte delle istituzioni pubbliche, quelle locali innanzitutto, che da due anni non provvedono attraverso le procedure previste dalle leggi allo svolgimento di questo servizio.

Confidiamo in una risposta generosa ed ampia delle tante cittadine e cittadini di Roma, che rappresenti al tempo stesso un fermo richiamo e un monito rivolto alle istituzioni pubbliche perché ciascuna compia il proprio dovere.

Intendiamo con questa iniziativa cooperare e contribuire alla spesa fin’ora sostenuta dalla Caritas che nell’arco di questi mesi ha provveduto al servizio.

Quanti vorranno partecipare a questa importante raccolta fondi potranno utilizzare le seguenti possibilità di versamento previste:

  • Bonifico alla BANCA Monte dei Paschi di Siena Codice IBAN: IT 34 X 01030 03207 000002318743
  • Altrimenti tramite Pay Pal o carta di credito, collegandosi al sito dell’Associazione www.aromainsieme.it

COMUNICATO STAMPA 18/11/2016

 

A Roma, Insieme – Leda Colombini” partecipa alla Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza del prossimo 20 novembre.

Tre anni fa, in occasione della ricorrenza della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, il Senato della Repubblica approvò una mozione che affermava esplicitamente il diritto dei bambini a non vivere dietro le sbarre. Un diritto per il quale fin dalla sua nascita, l’Associazione si è sempre battuta, impegnando i suoi oltre cento volontari nell’assistenza ai bambini da 0 a 3 anni che ancora oggi finiscono “in galera” con le loro madri. “Ci fa piacere annunciare – dice a questo proposito la presidente, Gioia Passarelli – che il 2017 sarà l’anno dell’apertura a Roma della “Casa di Leda”, Una casa famiglia protetta completamente autonoma dal carcere, prevista da una legge approvata ben 5 anni fa, dove i piccoli vivranno senza sbarre alle finestre e accanto alle loro mamme, condannate a pene lievi, e inserite in un percorso di “recupero” teso al loro reingresso all’interno delle regole della società civile, in attuazione dell’articolo 27 della Costituzione che recita: “le pene devono tendere alla rieducazione del condannato”.

Ufficio stampa Francesca Cusumano
3355236641
francusumano@gmail.com

AIUTACI!
Dobbiamo raggiungere la cifra di €3600,00 per pagare il trasporto dei bimbi di Rebibbia al nido esterno.
DONA ORA