Lettera di sollecito sulla drammatica situazione nella carceri

Ci rivolgiamo a quelli che saranno eletti con il voto del 25 settembre, deputati e senatori che costituiranno il nuovo Parlamento. L’appello trova la prima e fondamentale ragione nella piena consapevolezza di rappresentare una testimonianza vera, per quanto parziale, di una realtà con la quale i nuovi eletti dovranno sapersi confrontare.
È la realtà del carcere, della giustizia e dell’esecuzione penale con la quale quotidianamente ci misuriamo nel nostro impegno di volontari e di volontarie. Ci preoccupa lo scarso peso dato, anche in questi giorni di dibattito e confronto, ai temi del carcere e della giustizia. Temi questi che dovrebbero essere affrontati nella loro cruda realtà. Risulta evidente come, a volte, il dibattito preferisca volutamente sorvolare o addirittura cancellare nodi e situazioni che sono drammatici.
Ad incominciare dal dato tragico dei suicidi in carcere: 61 dall’inizio dell’anno, numero che non trova pari negli anni precedenti. Il Parlamento, ora sciolto, non è stato in grado di approvare la proposta di legge Siani ed altri, già votata alla Camera. Con essa si ponevano le basi per mettere finalmente fine alla vergogna italiana dei bambini in carcere, seguendo un indirizzo ben articolato e rispettoso sia della dignità del bambino che delle ragioni di sicurezza. La proposta era stata approvata a larga maggioranza a maggio scorso dalla Camera.
Anche la precedente legislatura è iniziata con l’affossamento della riforma dell’ordinamento penitenziario. Un grave torto compiuto a danno delle speranze e delle attese maturate in occasione degli Stati Generali dell’esecuzione penale, evento questo di grande significato che faceva ben sperare in una legislazione innovatrice e più umana.
Ci chiediamo, altresì, cosa avverrà dell’ importante e ampia riforma della Ministra Cartabia (riduzione dei tempi dei processi, sviluppo dei riti e delle pene alternative etc…) al momento non ancora legge.
Sono questi i nodi essenziali di un percorso assolutamente da riprendere poiché volto alla costruzione di una giustizia a misura di un’Italia più umana e più giusta.
Ci conforta che al silenzio pressoché totale su questi problemi, nel dibattito pubblico in vista del 25 settembre,
corrispondano invece voci, appelli e sollecitazioni che invitano tutti a non dimenticare che l’Italia ospita anche realtà dolorose che meritano considerazione e rispetto.
Ne sono esempio la lettera aperta delle detenute delle carceri di Torino e Verona indirizzata in questi giorni al
Presidente della Repubblica Mattarella e alla ministra Cartabia; la mostra fotografica di madri e bambini in carcere visitata da tante persone in questi giorni a Ravenna. Speriamo che questo nostro appello abbia un seguito.

Roma, 16 settembre 2022

La Presidente
Giovanna Longo

 

Associazione “A Roma, Insieme – Leda Colombini ODV”
Via Sant’Angelo in Pescheria 35 – 00186 Roma – Italia
Tel/Fax +39 06 68136052 – email: aromainsieme@gmail – www.aromainsieme.it
C.F. 96219460589
Codice IBAN: IT34X0103003207000002318743
BANCA Monte dei Paschi di Siena – AGENZIA N. 7 Via Tuscolana 316 Roma

La festa dell’estate!

Una serata tutta per noi, amiche e amici di “A Roma, Insieme – Leda Colombini ODV” ospiti dell’accogliente Casale Alba al fresco del Parco di Aguzzano.
Un’occasione per stare assieme in allegria! 
Vi aspettiamo!
Necessaria, per un buon esito, la prenotazione che aspettiamo di ricevere entro e non oltre sabato 2 luglio, all’indirizzo di posta elettronica aromainsieme@gmail.com
Invitate chi volete!

Grazie!

“Grazie alla vostra scelta di destinare alla nostra associazione il 5×1000, anno finanziario 2019-2020, nel 2021 abbiamo potuto contare anche sulla somma di €. 3.115,12.

Ciò ha contribuito a dare continuità al nostro sostegno alle mamme detenute con i loro piccoli e alle loro famiglie, che con l’emergenza sanitaria hanno visto aggravarsi il già grave disagio economico in cui riversano.

Un grazie di cuore dalle volontarie e dai volontari di “A Roma, Insieme – Leda Colombini ODV” e dalle persone che insieme a voi tutti e tutte sosteniamo!

A Leda Colombini, dieci anni dalla scomparsa

“La tua creatura alla quale hai dato il nome più bello: “A Roma insieme” mi ha permesso di conoscere realtà piene di speranze, di voglia di vivere e di riscatto sociale. Uno dei più bei ricordi è quello di quando siete venuti tutti, accompagnatori e bambini, a pranzo per Natale, qui a casa mia. Avevo cucinato la polenta perché sapevo che ti piaceva tanto! L’allegria era il suo contorno. Questa è la forza dell’Associazione che ha dato, dà e darà sempre energia di cui ognuno/a di noi ha estremo bisogno. 

Grazie Leda”  . Misa Chiavari

A Leda Colombini, a dieci anni dalla tua scomparsa, il tuo ricordo continua a vivere dentro il nostro impegno.

Affinché nessun bambino varchi la soglia di un carcere.

Le volontarie e i volontari di A Roma Insieme

Roma, 6 dicembre 2021

 

Ringraziamenti per donazione Nextsense

Da parte di tutte le volontarie e volontari dell’associazione “A Roma,
Insieme – Leda Colombini”, delle madri e dei loro bimbi presenti nella
Sezione Nido della Casa Circondariale di Rebibbia Femminile, delle
donne in quel carcere detenute e che, in occasione dei colloqui “aree verdi”, incontrano i loro figli minori, desideriamo ringraziare
Nextsense per la generosa donazione.
Ogni piccolo o grande gesto contribuisce ad alleviare la condizione in
cui quei bimbi e quelle bimbe versano, oggi resa ancor più grave a
causa dell’emergenza sanitaria in corso.
Ancora un sentito grazie.

La Presidente

Giovanna Longo